Bambino con quadrifoglio
Bambini

Camicino della fortuna

Finalmente il vostro bimbo è nato; adesso dovete prepararvi al vostro debutto in società! Stanche e stralunate indosserete l’abito che vi siete portate nel borsone e varcherete finalmente la soglia della vostra stanza d’ospedale per dirigervi a casa. Ed il piccolino cosa indosserà? Ci avete già pensato?

Bambino con quadrifoglio

Un regalo portafortuna

Solitamente le neo mamme la prima volta che vestono il loro pargolo usano il camicino della fortuna. Questo abitino in genere si riceve in regalo tra il 4° ed il 9° mese di gravidanza. L’usanza, davvero molto diffusa in tutta Italia, ha lo scopo di augurare al bebè, come si suol dire nato con la camicia, una vita serena, felice e fortunata. Sarà solo una superstizione antica, ma nessuna mamma si sottrarrebbe in questo caso al sempre valido principio del “non è vero, ma ci credo”.

In genere il camicino della fortuna si regala alla futura mamma soltanto se con lei avete una relazione affettiva particolarmente intensa: amiche del cuore, madri, suocere (almeno in certi casi), sorelle. Evitate quindi di comprare questo dono per il nascituro se pensate che qualcuno possa avere più “diritto” a provvedere in tal senso. Se proprio non sapete resistere alla tentazione pazienza, vuol dire che il bimbo sarà un novello Gastone!

In ossequio alla tradizione questo capo di abbigliamento dovrebbe essere il primo che il bambino indosserà (a sua volta utilizzato da parenti di ogni ordine e grado) e, soprattutto, dovrà essere conservato senza mai lavarlo (magari non esageriamo). Cercate quindi, qualora ne voleste regalare uno ad una donna incinta, di sondare il terreno: la futura mamma preferirebbe avere un nuovo camicino per il suo bebè? Ci tiene particolarmente che il figlio indossi qualcosa di usato?

Come scegliere il camicino portafortuna

Se non siete delle tradizionaliste o comunque tenete molto all’igiene, optate per l’acquisto di un nuovo abitino. In genere bisogna orientarsi su colori ben augurali quali il rosso, da sempre associato all’amore, ed il bianco, simbolo di purezza. Normalmente queste tutine sono corredate da scritte, stampate o ricamate poco importa, che riportano la dicitura “Buona fortuna!” (altrimenti che portafortuna sarebbe?).

E’ importante che il camicino sia confezionato utilizzando fibre naturali quali il cotone puro, la seta o ancora il lino. Se proprio siete delle maniache del fashion abbinate all’abitino anche degli accessori (bavetta, pantaloni, calze, ecc.).

Per trovare il camicino portafortuna che faccia al caso vostro (e del vostro pargolo) vi basterà recarvi in uno dei tanti negozi premaman che popolano le nostre città. In alternativa potreste optare anche per le botteghe di moda e accessori per la prima infanzia; insomma, a voi la scelta.

Un compromesso tra tradizione e modernità

Se proprio ci tenete che il vostro bimbo indossi un camicino portafortuna già utilizzato da mamma, zii, sorelle, fratelli e chi più ne ha più ne metta, lavatelo. Sì, la tradizione vorrebbe che ciò non accadesse, ma la pelle delicata del vostro bimbo ne trarrà sicuri benefici.

Prediligete dei cicli di lavaggio delicati, usate detersivi non aggressivi o addirittura il bicarbonato. Evitate invece di aggiungere l’ammorbidente.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi