Ciuccio bambino
Bambini

Quale ciuccio scegliere per i bambini allattati al seno?

Il ciuccio è quell’oggetto che molto spesso risolve i pianti infiniti dei neonati che proprio non ne vogliono sapere di addormentarsi senza e allo stesso tempo sollevano i genitori da una situazione che si fa sempre più critica solitamente in mezzo a urla e lacrime strappacuore.

I bambini che vengono allattati al seno hanno però qualche difficoltà in più a trovare il ciuccio perfetto perché sentono la differenza tra il capezzolo della mamma e il ciuccio artificiale e possono non gradirlo e addirittura rifiutarlo.

I migliori ciucci per bambini allattati al seno

Esistono diversi tipi di ciucci, i più usati e diffusi sono i ciucci a ciliegia e quelli a goccia. Vediamo quali sono quelli che hanno ottenuto le migliori recensioni:

MAM 523322 - Ciuccio "Night" in silicone per bambine da 0 a 6 mesi, senza BPA, confezione doppia, colore: Rossa

7,38
3 nuovo da 7,38€
Spedizione gratuita
Vedi offerta
Amazon.it
al 16/10/2018 23:26

Caratteristiche

  • Tettarella ortodontica: aiuta ad evitare malocclusioni
  • Tettarella e mascherina simmetriche: il succhietto non è mai al contrario
  • I grandi fori di ventilazione e i puntini sul bordo interno evitano irritazioni della pelle
  • Bordi arrotondati della mascherina: evitano segni e irritazione della pelle
  • Bottone frontale piatto: confortevole in qualsiasi posizione

11,49€
2 nuovo da 11,49€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 16/10/2018 23:26

9,92€
11,49
7 nuovo da 6,60€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 16/10/2018 23:26

Quando e perché dare il ciuccio al bambino

Generalmente ai bambini che prendono il latte materno è meglio non dare subito il ciuccio perché potrebbe creare qualche problema proprio con l’allattamento. Il neonato si abitua infatti a nutrirsi al capezzolo e potrebbe non capire subito la reale differenza tra la fonte che gli dà nutrimento e il ciuccio: meglio aspettare almeno quattro settimane e poi provare con il ciuccio.

Da sempre i genitori si dividono in due categorie: quelli che non hanno problemi a dare al bimbo il ciuccio e quelli che preferiscono crescerlo senza. Per la verità ci sono studi scientifici che ritengono il ciuccio un rimedio contro il rischio di SIDS, la morte improvvisa infantile. Ci sono infatti statistiche che hanno rilevato come i bambini che utilizzano il ciuccio siano meno a rischio di incorrere in questa tragica fatalità. Inoltre dando il ciuccio al piccolo si evita che si succhi il pollice, un’abitudine che nel lungo periodo comporta problemi al palato.

Come si usa il ciuccio

L’aspetto più importante nell’utilizzo del ciuccio è sicuramente la sua pulizia. Va sterilizzato spesso perché può venire a contatto con batteri e germi e ripetendo questa operazione si evita di danneggiare il sistema immunitario del bambino.

Un’abitudine di molti genitori è quella di addolcire con zucchero o altro il ciuccio ma si tratta di un errore perché questo potrebbe portare problemi futuri come la carie: se il bimbo rifiuta il ciuccio non bisogna forzarlo, se gli cade e non lo rivuole non è un problema!

Il ciuccio è un diversivo, da utilizzare in particolari occasioni, non necessariamente sempre. Ci sono momenti della giornata in cui è d’aiuto, se il bimbo piange perché magari ha le coliche, se si è troppo indaffarati, in una situazione di emergenza, o in viaggio, allora è un buon alleato ma di certo non rimpiazza e sostituisce l’affetto e le coccole di mamma e papà.

Fino a quando si usa il ciuccio

I pediatri e gli studiosi consigliano di togliere il ciuccio, in maniera magari graduale, intorno ai due anni di età. Ogni bambino è diverso dall’altro e sui tempi ci potrebbero essere alcune differenze ma è sempre una questione di mesi poi va tolto definitivamente per non compromettere lo sviluppo dell’apparato dentale e del palato, problema che si svilupperà con la crescita del piccolo.

In alcuni casi il bambino sarà abituato ad averlo sempre con sé e subito sarà un piccolo trauma non averlo più: per evitare strilli e urla continui è bene coccolarlo e farlo giocare più del solito indirizzando il suo interesse su mamma e papà e altre cose fino a che avrà completamente dimenticato l’esistenza del succhietto.

Nel caso di allattamento al seno difficile è meglio non introdurre proprio l’uso del ciuccio perché aumenterebbe i problemi legati alla sua alimentazione. Solo in seguito, se si nutre correttamente e se è necessario si può iniziare a dare il ciuccio. Se il bimbo soffre di infezioni alle orecchie va ricordato che con l’uso del ciuccio il problema potrebbe amplificarsi perché è in grado di aumentare il rischio delle infezioni. E’ consigliato consultare il pediatra e decidere insieme il da farsi.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi