31/03/2020

Come organizzare le giornate con i bambini a casa

By MomCamp

Organizzare le giornate in casa con i bambini, soprattutto quando per lunghi periodi di tempo non è possibile uscire, è molto importante. I piccolini hanno spesso energie in esubero e le quattro mura domestiche difficilmente potranno contenerle. Per questo è importante che gli adulti gli aiutino ad incanalarle verso attività ludiche o comunque divertenti.

Ecco allora qualche suggerimento che, soprattutto durante l’attuale quarantena per coronavirus, può tornarvi particolarmente utile.

Parlare con i bambini

Vi consigliamo di essere chiari sui motivi che vi impediscono di uscire. Spiegate ai bambini il perché della loro “reclusione forzata” utilizzando un linguaggio semplice e comprensibile. Non nascondete la verità ed i piccoli accetteranno meglio questa imposizione. Inoltre agendo in questo modo non vedranno in voi degli aguzzini che li privano della passeggiata al parco, ma delle persone costrette a sottostare a delle regole o capaci di assumersi delle responsabilità.

Attività per i più piccoli

I bimbi piccoli, parliamo di quelli che hanno l’età per frequentare il nido e la materna, hanno bisogno di rispettare una certa routine: per loro è rassicurante avere delle abitudini. Proprio per questo motivo il primo suggerimento che possiamo darvi è quello di mettervi in contatto con le maestre o con le mamme dei compagni di classe in modo da ricostruire al meglio la giornata tipo del bambino. Magari a scuola i piccolini sono abituati a colorare un disegno al giorno, poi a muovere qualche passo di danza, quindi a far merenda ed infine a giocare con le costruzioni. Bene, cercate di ricreare queste abitudini anche in casa.

I vostri figli potrebbero soffrire anche per il mancato contatto con la maestra preferita o con l’amichetto del cuore. Stategli vicino il più possibile e, ogni tanto, organizzate una videochiamata di gruppo o con la persona che il bimbo desidera rivedere.

Attività per i bambini in età scolare

I pargoli in età scolare, quelli cioè che frequentano già le elementari, richiedono per certi versi più impegno. Anche per loro vale il discorso della routine rassicurante. Capiscono perfettamente cosa succede in casa e vogliono essere coinvolti il più possibile nelle attività di mamma e papà. Il suggerimento in questo caso è quello di far sentire i  bimbi parte attiva della famiglia e di organizzare il vostro ed il loro tempo interpellandoli ed ascoltando ciò che hanno da proporvi.

Approfittate della quarantena per stimolare i più piccoli a praticare dell’attività fisica. Se avete la fortuna di possedere un giardino fate con loro qualche tiro a palla o se non avete questa possibilità fate insieme un po’ di ginnastica.

Contemporaneamente state attenti a non compensare la noia con troppi dolcetti extra. Quando cucinate però fatevi aiutare dai bimbi di casa. Si tratta di un’attività che può sviluppare doti nascoste, divertente e capace di far sentire i piccoli utili ed impegnati.

Fate anche in modo di organizzare l’attività didattica online, guardate insieme dei film e soprattutto giocate con i vostri figli.

Idee per tutti

Esistono infine delle attività che vanno bene per i bambini di ogni età e che sarebbe il caso di proporre periodicamente ai pargoli. Non sottovalutate l’enorme potenziale delle attività manuali: a questa pagina sul sito www.pianetadonne.blog potete vedere qualche esempio di lavoretti da proporre ai bambini.

Questa pratica aiuta i piccoli a sviluppare la capacità di concentrazione, migliora le loro doti motorie ed ovviamente stimola la creatività.

Quando avrete bisogno di un attimo di respiro, e fidatevi succederà, fate sedere i piccoli e raccontategli una fiaba. Per rendere l’attività interessante fate finta di parlare con loro al telefono o, sfruttando le tariffe a minuti illimitati che molti di noi sottoscrivono, eliminate la finzione mettendogli in mano (una tantum, si intende) un vero cellulare. Farete sentire i piccolini un po’ più grandi, creerete un divertente diversivo, li terrete un po’ fermi, li avvicinerete al mondo della lettura e stimolerete la fantasia.

Infine potrete proporre anche qualche grande classico dell’intrattenimento: dai giochi in scatola alle canzoncine, dai giochi di ruolo, al “se ridi perdi” e così via.

Se non potete uscire di casa non abbattetevi perché la vostra frustrazione verrà letteralmente assorbita dai bambini. Approfittate invece di questa  chiusura a casa per rinsaldare il rapporto con i vostri figli.