Ragazza incinta
Mamma

Come rimanere incinta? Ecco alcuni consigli utili da seguire

Rimanere incinta è una cosa naturale, forse tra le più naturali che si possano verificare nella vita di una coppia.

Il problema però è che in certi casi ciò non avviene determinando, soprattutto nelle donne, una sorta di insoddisfazione personale. Inevitabilmente poi questo passaggio della vita, soprattutto quando stenta a compiersi, diventa oggetto di falsi miti volti a propiziare la gravidanza.

La salute innanzitutto

Su questo punto c’è poco da discutere: il corpo di una donna, e qui concordano tanto le dicerie popolari quanto gli studi scientifici, deve essere sano per poter ospitare e portare a termine una gravidanza.

Sul sito www.mammastobene.com ad esempio si apprende che in un organismo in salute in cui non sussistano particolari problemi a carico dell’apparato riproduttivo, possa nel periodo compreso tra l’ultimo ciclo ed il successivo verificarsi una gravidanza in un caso su quattro. Le percentuali però, come indicano le statistiche riportate sullo stesso portale e riguardanti coppie di diverse età che hanno deciso di concepire, variano ovviamente in funzione di alcuni parametri (età compresa).

Ma cosa si intende per stile di vita sano? Sicuramente fare scarso uso di alcool, bandire fumo e droghe, ma anche mantenersi vicine al peso forma. Cari maschietti, nemmeno voi siete esentati dal mantenervi in salute: se volete aiutare la vostra metà a concepire infatti dovrete seguire una dieta poco grassa e abbondante in fibre.

Infine un po’ di attività fisica e l’assunzione (soltanto da parte della donna) di acido folico anche prima della bella notizia, non guastano.

Esami pre-gravidanza

Non sarebbe male poi sottoporsi anche a degli esami prima ancora di cercare la gravidanza. Alle donzelle vengono in genere prescritte le analisi del sangue, gli screening per valutare la possibilità di contrarre patologie dannose al feto ed un pap-test.

Il ciclo ed il periodo fertile

Chiaramente non sempre si è al massimo delle proprie possibilità di concepimento. Esistono però dei giorni tra un ciclo e l’altro ritenuti propizi perché più fertili rispetto ad altri. In genere questo periodo cade tra il quinto ed il settimo giorno che precede l’ovulazione e nei tre giorni immediatamente successivi al verificarsi della stessa.

Per riconoscere quei giorni è necessario, dato che il semplice conteggio non sempre è sufficiente, misurare la temperatura basale che è sempre più alta durante l’ovulazione ed osservare il muco cervicale che si fluidifica e diventa sempre più trasparente in prossimità dello stesso periodo. Esistono poi dei test di ovulazione acquistabili in farmacia.

Frequenza dei rapporti

Questo non significa che dovrete avere rapporti soltanto in quei giorni: è chiaro che nel periodo in questione avrete maggiori possibilità di rimanere incinta, ma non disdegnate di provare anche durante gli altri giorni del mese.

Tra l’altro, soprattutto se avete qualche problema di fertilità, non incaponitevi: fare troppi tentativi stressa l’uomo (che produce meno spermatozoi) e fiacca la mente di entrambi rivelandosi controproducente.

Falsi miti

Sono sostanzialmente due i miti da sfatare: si può rimanere incinta anche la prima volta che si ha un rapporto sessuale completo, e non esistono posizioni propizie: l’unico accorgimento è semmai non alzarsi subito dopo il coito per evitare che il liquido seminale scivoli via.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi