I trucchi per insegnare ai bambini ad usare il vasino

La pipì nel vasino è una fase importante di crescita del piccolo, perché ai suoi occhi è una sorta di nuova conquista, un passaggio fondamentale nelle varie fasi della vita. Certo, deve essere una cosa che i genitori gli fanno apprezzare come tale, porlo al piccolo come un obiettivo da raggiungere che rappresenta un successo e quindi qualcosa da premiare.

Bisogna insomma creare nel piccolo molta curiosità verso questo particolare oggetto, dandogli indicazioni precise su tutte le fasi necessarie per il suo utilizzo.

Bambino sul vasino

Come insegnare ai bambini a fare la pipì nel vasino

La prima cosa da tenere presente quando si decide di insegnare ai piccoli a fare la pipì nel vasino, è che le femmine tendono a imitare la mamma e i maschi il papà. Dunque, sarebbe meglio che ad insegnare ai bambini l’approccio al vasino siano le figure genitoriali nelle quali si identificano di più. Non trascurate questo aspetto fondamentale perché rende più facile la loro predisposizione verso la novità.

Fatta questa doverosa premessa entriamo nello specifico, dicendo che il passo importante per avvicinare il bambino al vasino è quello di creare interesse nel piccolo verso questo strumento. Non trattatelo come un semplice elemento da utilizzare per far fare pipì al bambino, ma coinvolgetelo in tutte le fasi che lo prevedono, compreso l’acquisto.

Portatelo con voi quando dovrete comprarlo, magari lasciando che sia il bambino stesso a sceglierlo. Non preoccupatevi se non è il massimo in estetica, l’importante è che il bambino lo senta suo.

Come insegnare ai bambini l’uso del vasino per ogni bisogno

Per quanto riguarda le femmine, imparare l’utilizzo del vasino può essere fatto eseguendo una sorta di ‘tutorial’ utilizzando una bambola. Si deve spiegare alla bambina come ci si siede, cosa si fa per fare i propri bisogni (sia la pipì che la cacca) e come si devono eseguire le operazioni di pulizia successive. Non lasciate niente al caso, insegnate alle bambine con precisione e meticolosità ogni passaggio, in modo che loro apprendano alla perfezione ogni cosa, per poi essere in grado da più grandi di essere autonome.

Per i maschietti è semplice insegnarli a fare la cacca, meno per quanto riguarda la pipì nel vasino, visto che essendo maschio deve farla stando in piedi. Le strade possono essere due, o si insegna al piccolo a fare la pipì in piedi all’interno del vasino, facendogli capire che è importante non farla uscire fuori dallo stesso.

Se tale sistema si mostra troppo difficile, potrebbe essere una scelta ottimale insegnare direttamente al bambino a fare pipì come i grandi, utilizzando un panchetto che lo rialzi in modo da usare direttamente il water.

Conclusioni

Per concludere, indichiamo uno degli aspetti importanti della questione legata al passaggio dal pannolino al vasino. La cosa deve essere graduale, senza forzature e imposizioni. Il piccolo deve approcciarsi con interesse alla novità, che deve essere presentata non come un obbligo ma come una conquista, al raggiungimento del quale sarebbe bene premiarlo con qualcosa che desidera molto.