Mani a forma di cuore
Mamma

Inseminazione artificiale: costi e scelta del centro più adatto

Avere bambini è il desiderio di moltissime coppie che nel percorso di vita insieme scelgono di allargare la famiglia. Spesso accade però che i figli tanto attesi non arrivino per problemi legati a diversi fattori e l’unica strada da percorrere, se non ci si indirizza sull’adozione, è quella dell’inseminazione artificiale.

Si tratta di un argomento molto delicato da affrontare, specialmente per ciò che riguarda le tecniche utilizzate e la loro efficacia; in questo breve articolo puntiamo invece lo sguardo su un altro aspetto altrettanto importante che è quello relativo alla scelta del centro migliore e ai costi e alle spese che affrontare un percorso di questo tipo richiede.

La scelta del centro giusto

Affrontare l’iter che porterà la coppia all’inseminazione artificiale è complesso per varie ragioni, legate sia all’aspetto pratico di cercare tutte le informazioni necessarie sul tema sia a ragioni psicologiche che di certo influiranno sulla vita di una coppia con problemi di infertilità.

La prima cosa da fare se si decide insieme di avviarsi in questo cammino per avere figli è quella di rivolgersi al proprio ginecologo o medico di fiducia con il quale si parlerà di fecondazione assistita e della scelta della struttura giusta per poi avere dal professionista alcuni nomi e recapiti di centri affidabili.

Anche perché nel momento in cui si decide di seguire la strada dell’inseminazione artificiale e si chiedono informazioni si verrà invasi da tutta una serie di pubblicità sul tema, via mail, brochure e volantini che possono creare confusione alla coppia.

La scelta del centro giusto non sarà facile ma è bene valutare alcuni fattori: la preparazione e l’assistenza fornita dal personale, il diritto alla privacy che la clinica deve avere, le tecniche utilizzate e il relativo risultato ottenuto dal loro impiego. L’assistenza fornita è uno degli aspetti da considerare perché questa dev’essere specifica e deve fornire monitoraggi personalizzati per ogni coppia. E’ molto importante trovare una struttura di qualità nella quale il rapporto col paziente sia diretto e ci sia una comunicazione e un dialogo costante sotto tutti i punti di vista.

Fondamentale è visitare diversi centri prima di concentrarsi su uno soltanto e indirizzare la scelta su uno all’avanguardia nella tecnologia che utilizzi tutte le tecniche ad oggi conosciute. Non bisogna trascurare l’ipotesi che la struttura che fa per voi sia all’estero e nemmeno puntare tutto sui tempi di attesa: anche se siete impazienti non agite d’impulso ma sondate bene il terreno. Certamente un centro privato avrà minori tempi di attesa rispetto ad uno pubblico ma per analizzare bene l’insieme vanno considerati anche i costi che questo impegnativo percorso richiede.

I costi dell’inseminazione artificiale

La scala dei costi per sostenere l’inseminazione artificiale è davvero molto ampia: si va dai soli 200 euro per l’Home Insemination che utilizza la banca del seme fino a 5000 euro ed oltre per interventi con tecniche di livello 2 ma i prezzi sono variabili anche a seconda dello Stato che si sceglie.

Infatti i costi dell’inseminazione artificiale in vitro (FIVET) sono molto diversi in base al bisogno o no di un donatore di seme, della tecnica applicata ma anche se si necessita una stimolazione ormonale e a seconda del Paese dove avverrà l’intervento.

Per fare un esempio ecco due costi completamente diversi.

Inseminazione di primo livello

L’inseminazione intrauterina con donatore anonimo ha un costo basso, appena superiore ai 500 euro e include anche il seme del donatore. All’opposto una fecondazione in vitro può arrivare a costare oltre i 7000 euro.

In mezzo c’è un abisso spiegabile con la tecnica utilizzata per l’operazione che può essere di 1° o di 2° livello.

Nel primo caso i costi effettivi dell’intervento si aggirano tra i 500 e i 2000 euro ma a questi quasi sempre si devono aggiungere i costi di viaggio e soggiorno del Paese scelto che spesso sono più onerosi della sola inseminazione intrauterina.

Inseminazione in vitro o di secondo livello

La tecnica d’inseminazione intrauterina di 2° livello è quella in vitro. Qui i costi salgono e sono solitamente compresi tra i 2800 e gli 8000 euro con seme di donatore compreso e con ovuli propri.

Ogni coppia è diversa da un’altra e la garanzia che l’inseminazione abbia successo non è mai assoluta: potrebbe riuscire al primo tentativo ma potrebbe richiedere pazienza e tempo anche se le tecniche moderne sono efficaci e comprovate. Chi affronta un percorso di questo tipo non deve arrendersi ma deve includere nelle possibilità di avere un figlio anche quelle dell’adozione.

Per finire, i centri italiani sono all’avanguardia nel settore e vanno tenuti in considerazione più di quelli esteri. In alcuni casi è necessario indirizzarsi su strutture straniere, ad esempio nel caso si voglia procedere con la fecondazione eterologa.